Ultime News

26 Novembre 2019

Si informa che è in pubblicazione nella sezione "Bandi di gara e contratti" l'avviso di asta pubblica per la vendita dell’immobile denominato “...

20 Novembre 2019

La Città metropolitana ha approvato con decreto del Sindaco Luigi Brugnaro il progetto definitivo/esecutivo per due interventi di risanamento...

12 Novembre 2019

Palestra nuovamente agibile e a disposizione dell’attività didattica per gli studenti del Liceo Foscarini di Venezia.

24 Ottobre 2019

Nell’ambito del progetto interreg Italia-Croazia “HISTORIC” finanziato dal programma interreg italia-croazia, di cui la Città metropolitana è...

Lettera della Provincia alla preside del Montale di San Donà di Piave

10 Ottobre 2014

In merito alla protesta degli studenti del liceo classico Eugenio Montale di San Donà di Piave, ripresa in questi giorni dalla stampa e dal web, la presidente della Provincia di Venezia Francesca Zaccariotto ha inviato alla dirigente dell'istituto scolastico superiore professoressa Marina Drigo, e per conoscenza alla presidente del Consiglio d'Istituto Morena Marilisa Carlini, una lettera con alcune precisazioni in merito all'assegnazione degli spazi didattici.
Nel lettera si ricorda un incontro avvenuto il 2 settembre scorso nella sede della Provincia a Ca' Corner fra la dirigente Drigo e la presidente Zaccariotto, a seguito del quale l'amministrazione provinciale ha confermato l’impegno di mantenere l'assegnazione al Liceo Montale delle sei aule ubicate presso il Volterra di San Donà di Piave, nonostante le note problematiche poste dal dirigente scolastico dell’istituto stesso, che a sua volta chiedeva nuovi spazi in considerazione delle ultime iscrizioni pervenute.
 
Spiace dunque apprendere - prosegue il testo della lettera - che nonostante la decisione scaturita dall'incontro " è in corso una forma di protesta da parte degli studenti del liceo Montale, che si sono organizzati in assemblee pubbliche, azioni di volantinaggio e dichiarazioni sui social network. E si ricorda altresì che la Provincia "non è mai stata coinvolta in questa forma di dissenso, diversamente avrebbe potuto fornire informazioni utili a contenere proteste molto spesso frutto di errate e/o incomplete notizie".
 
Pertanto "si chiede di poter promuovere un tavolo di confronto con la presenza di tutti i soggetti competenti e interessati, al fine di fornire correttamente tutte le risposte alle problematiche sollevate e, attraverso un confronto, individuare ipotesi future condivisibili, in considerazione anche delle recenti dichiarazioni del sindaco di San Donà di Piave, in merito alla volontà di acquisire l’immobile ex centro benessere per risolvere i noti problemi. Si ribadisce infatti come, alla luce del processo di riordino delle competenze delle Province-Città Metropolitane (Legge n. 56/2014) e delle sempre più ristrette disponibilità economiche del bilancio provinciale (vedi ultimo D.L. 66/2014 convertito in Legge n. 89/2014), per quest’Amministrazione sia possibile operare esclusivamente per l'ordinaria amministrazione e per gli atti urgenti e improrogabili ”.
 
La lettera si conclude fornendo alcuni dati relativi ai quadri degli organici di diritto per l’anno scolastico 2014/2015:
 
Montale: 736 alunni - Incremento quinquennale alunni: 49,6% - Media alunni/classe: 24,5
Alberti: 1.227 alunni - Incremento quinquennale alunni: 7,9% - Media alunni/classe: 25
Volterra: 943 alunni - Incremento quinquennale alunni: 31,2% - Media alunni/classe: 23
Scarpa: 339 alunni - Decremento quinquennale alunni: -26,3% - Media alunni/classe: 22,6
Galilei: 753 alunni - Incremento quinquennale alunni: 0,5% - Media alunni/classe: 25,1
Presidente Zaccariotto: «Ho incontrato personalmente a San Donà alcuni studenti domenica scorsa, durante la loro azione di volantinaggio nel corso della Fiera del Rosario, e ho scoperto dialogando con loro che molte informazioni non sono note e tantomeno condivise; li ho invitati attraverso i loro rappresentanti a partecipare ai prossimi tavoli con la Provincia, per conoscere la situazione reale in cui si trova l'Ente, apprendere in modo completo non solo le decisioni assunte nei confronti del loro liceo, ma soprattutto le motivazioni alla base di queste scelte che riguardano gli istituti della loro città e del territorio provinciale».

CITTA' METROPOLITANA DI VENEZIA
SERVIZIO PATRIMONIO